Florigel Andria sconfitta dal Taranto: è crisi nera

A sette giornate dal termine del campionato di serie C1 si fa sempre più complicato il cammino verso la salvezza della Florigel Andria. La squadra allenata da Michele Bizzoca crolla tra le mura amiche del “Palasport” al cospetto di un coriaceo e più voglioso New Taranto che espugna l’impianto andriese con un meritato 6-3. Gli azzurri giocano un buon futsal per soli 20 minuti poi lasciano il campo alla formazione jonica autentica mina vagante del girone.

Il tecnico barlettano si affida al collaudato starting five con Leone tra i pali, Ricco centrale, Somma e capitan De Feo laterali e Albanese pivot. Il Taranto di mister Buonafede, orfano degli squalificati Albano e De Paola, si affida alle azioni di rimessa degli esperti Cava e Chirivì.

La partenza è per l’ennesima volta di marca andriese. Dopo due interventi salva risultato di Leone, è De Feo ben servito da Albanese a partire in velocità e bravo a freddare il portiere jonico per l’1-0. Gli azzurri non mollano la presa e Magno, dopo uno straordinario assist di Ricco, firma il 2-0 per i padroni di casa. Il Taranto sembra accusare il colpo, ma il team andriese mostra ancora una volta fragilità difensive a causa di un calo di concentrazione. Chirivì riceve palla in area si gira indisturbato e insacca l’incolpevole Leone per il 2-1. Dopo appena due minuti è Cava dall’out di destra a siglare con il piattone l’aggancio dei tarantini. Nel finale di frazione il Taranto trova anche la rete del sorpasso, ma il direttore di gara a causa di un fischio anticipato concede una punizione che non crea ulteriori apprensioni a Somma e compagni.

Nella ripresa partono meglio gli ospiti che passano in vantaggio. Somma e Leone la combinano grossa in difesa e permettono a Chirivi di siglare il 3-2 a porta sguarnita. Cinque minuti più tardi un perfetto sinistro di Roberto Magno dal limite vale il 3-3 ma il Taranto è vivo e continua ad esercitare una grande pressione in area andriese. A 10 minuti dalla fine Rutigliani perde palla a centrocampo e ancora una volta Chirivì è lesto ad avventarsi sul pallone e a battere Leone in uscita. Nel finale Bizzoca prova la carta del portiere di movimento, ma è il Taranto a dilagare con le reti di De Risi e Chirivì, autore di un poker e autentico protagonista di giornata. Finisce 6-3 per gli jonici e classifica sempre più pericolante per la Florigel Andria, immischiata nella bagarre play-out a soli due punti dalla retrocessione diretta. Sabato prossima sul parquet del “PalaScaloria” di Manfredonia servirà un’impresa agli uomini di Bizzoca per uscire da un tunnel sempre più buio.

Rispondi