La Futsal Andria incanta il Palasport, steso il forte Garganus

lopetuso_e_carlucci Quinto successo consecutivo e secondo posto in solitaria per la Futsal Andria di mister Filippo Mastroviti, che nell’atteso big-match contro il Garganus di Monte Sant’Angelo, non fallisce l’occasione per restare in scia alla capolista Aquile Molfetta e si allontana dalle dirette concorrenti. Lo scontro diretto con la formazione garganica termina 6-3 per i biancoblu, grandi protagonisti di giornata i due bomber Roberto Magno e Claudio Ortuso.

Mastroviti deve fare a meno dei lungodegenti De Nigris e Carlucci, mentre Ciliberti deve rinunciare a Bisceglia e Gentile.

Primo tempo ricco di emozioni, gol e capovolgimenti di fronte. Un giro di lancette e il tiro a giro di De Feo scheggia il palo. Passano due minuti e il Garganus trova il vantaggio. Ortuso ruba palla a Lanotte e tutto solo infila Fasciano. Al 6° De Feo illumina per Magno che non sbaglia a pochi passi dalla porta, è 1-1. La difesa azzurra non sembra in giornata e al 9° Ortuso lasciato nuovamente solo fa 1-2. Al 10° De Feo colpisce il secondo legno di giornata, ma all’11° Magno dal limite scocca uno splendido sinistro che trova l’angolo giusto e il 2-2. Il botta e risposta tra i due bomber infiamma il match ed arriva il primo vantaggio andriese firmato da Napoletano al 18° su prezioso assist di Lopetuso. Al 25° Ortuso con una botta da fuori sorprende Fasciano per il momentaneo 3-3, e al 30° ancora Napoletano, direttamente su calcio di punizione, sigla il 4-3 che chiude la prima frazione.

Nella ripresa ci si aspetta la reazione dei garganici, ma la Futsal Andria non concede nulla agli avversari e prima allunga con un preciso colpo sotto di Magno che si infila sotto il sette e poi chiude il match, in pieno recupero, con un tiro dalla distanza di De Feo a porta sguarnita.

E’ grande festa al Palasport per il team biancoblu che conferma di essere uno dei protagonisti di questo campionato. Sabato prossimo, De Feo e compagni, sono attesi dalla trasferta di Troia contro il fanalino di coda, poi sarà meritata pausa natalizia.

Rispondi