Ostuni amara per la Florigel Andria, l’Olympique vince 6-4

Ostuni_FlorigelAndriaNel posticipo della ventesima giornata del campionato di serie C1, non basta una buona prestazione alla Florigel Andria per uscire indenne dal “PalaGentile” di Ostuni dove i padroni di casa dell’Olympique s’impongono 6-4 sulla formazione di Michele Bizzoca. Uno scialbo primo tempo degli azzurri consente alla formazione brindisina di chiudere i primi 30 minuti avanti 3-0 e di poter amministrare il largo vantaggio nella ripresa.

Bizzoca si presenta in terra brindisina con tutti gli uomini a disposizione e schiera un inedito quintetto con Fasciano tra i pali, Ricco centrale, Borraccino e Delvecchio laterali e De Feo pivot. Mister Guarini lascia Quartulli in tribuna afflitto da noie muscolari e nel riscaldamento perde anche il portiere Basile. Spazio dunque al rientrante Caramia con Pipitone, Lacarbonara, Elia e Boccardi a completare il quintetto.

Ritmi altissimi già da i primi istanti di gioco e al 10′ è vantaggio Ostuni. La difesa azzurra lascia troppo spazio ad Elia che con una botta da fuori fa secco Fasciano. L’Andria non resta a guardare e si getta in avanti alla ricerca del pari. Tre limpide occasioni capitano sui piedi di Borraccino, ma la mira errata e l’opposizione di Caramia negano il pari agli azzurri. E in un capovolgimento di fronte è l’Olympique a raddoppiare. Il portiere Caramia fa suo un pallone in area e riparte in velocità, l’azione si conclude con la bordata dell’estremo difensore che insacca Fasciano. Il 2-0 manda in bambola il team di Bizzoca che in pieno recupero subisce il 3-0 firmato da Pipitone.

Nella ripresa l’Andria entra in campo con cattiveria e determinazione, e dopo appena 5 minuti accorcia le distanze con una perfetta azione che consente a Napoletano il tapin vincente. Gli azzurri sentono di poter recuperare la gara e continuano a spingere. Al 40′ Ricco ha la palla del 2-3, ma manda clamorosamente alto a porta completamente sguarnita. La legge del futsal non perdona e su successiva ripartenza i padroni di casa firmano il 4-1 con Ancona. La gara sembra nuovamente chiusa, ma Borraccino al 50′ accorcia nuovamente le distanze e riapre la contesa. Bizzoca non ha scelte e nel finale schiera il portiere di movimento che purtroppo consente all’Ostuni di chiudere il match con le reti di Fiorentino e Pipitone. Nel recupero gli azzurri continuano ad attaccare con il quinto di movimento che consente a Pietro Pierro di realizzare una doppietta. Il match termina 6-4 per l’Ostuni e con gli applausi per entrambe le formazioni del pubblico del “PalaGentile”.

La Florigel Andria resta ferma a quota 27 punti, mantenendo invariato il vantaggio di 7 punti sulla zona play-out. Da sabato prossimo parte il trittico di gare, in 7 giorni, decisivo in chiave salvezza per gli azzurri che sabato prossimo affronteranno in trasferta il Thuriae, il martedì seguente ospiteranno al “Palasport” il fanalino di coda Real Adelfia e il sabato saranno di scena sul campo del Real Five Carovigno.

Rispondi