Troppi errori condannano la Florigel Andria, Locorotondo corsaro

Dopo l’ottimo pari strappato al fotofinish sul campo del Futsal Salapia, non riesce l’impresa alla Florigel Andria contro la capolista Locorotondo. Nel posticipo dell’undicesima giornata del campionato di serie C1 la formazione barese espugna il “Palasport” di Corso Germania con un perentorio 8-3 che punisce oltremodo la formazione di Bizzoca condannata dai continui errori in fase difensiva e la poca concretezza in attacco.

Partenza da urlo per i padroni di casa che dopo appena 20 secondi trovano la rete del vantaggio. Schema su fallo laterale e palla sul secondo palo per Albanese che deve solo appoggiare la palla in rete. La festa dura appena 38” perché Solidoro dalla distanza beffa il portiere azzurro Diviccaro non esente da colpe. Una rete che manda in tilt il quintetto andriese e al 4’ Lisi approfittando di uno sciagurato passaggio centrale di Albanese firma il sorpasso degli ospiti. La reazione azzurra c’è, ma prima Gelsomino disinnesca un bolide ravvicinato di Magno, poi Somma tutto solo manda clamorosamente alto. Al 17’ un’altra disattenzione risulta fatale per la squadra andriese quando Salamida riceve palla e tutto solo con un lob supera Diviccaro in uscita. Il 3-1 del Locorotondo non getta nello sconforto l’Andria che al 19’ riapre la contesa con un tiro da fuori di Spinosa, bravo a beffare Gelsomino grazie anche ad una deviazione. Si va negli spogliatoi con il Locorotondo avanti 3-2.

Ad inizio ripresa è subito grande occasione per la Florigel Andria: Albanese recupera palla in difesa e serve Magurean che tutto solo davanti a Gelsomino angola troppo la conclusione. La legge del gol sbagliato gol subito colpisce al 38’ quando Lacatena sfrutta un azione di contropiede e con perfetto diagonale sigla il 4-2. Gli ospiti non sfruttano due ghiotte opportunità per prendere il largo e al 49’ l’Andria usufruisce di un calcio di rigore per fallo su Magno. Sul dischetto si presenta lo stesso pivot andriese che però si lascia ipnotizzare da un insuperabile Gelsomino. Nei dieci minuti finali, complice il penalty fallito e la stanchezza, la Florigel Andria crolla sotto i colpi della capolista che dilaga con una doppietta di Lisi e la rete di Salamida. Nel recupero vanno a segno capitan De Feo per gli azzurri, al decimo centro stagionale, e Palmisano per il Locorotondo che fissa definitivamente il risultato sull’8-3.

Terza sconfitta casalinga stagionale e classifica nuovamente preoccupante per la Florigel Andria che sabato sarà impegnata sul proibitivo campo delle Aquile Molfetta.

Rispondi