Un cinico Futsal Brindisi punisce una distratta Florigel Andria

Dopo il pari rimediato all’esordio con il Csg Putignano, la Florigel Andria non riesce ad evitare la sconfitta sul difficile campo del Futsal Brindisi. Il team di Danisi cede 6-5 ad una formazione messapica cinica e che concede poco all’avversario, tanti troppi errori in fase difensiva condannano gli azzurri al primo stop stagionale.

Camporeale, Rutigliani, Somma, De Liso e Laporta è lo starting five che parte subito con il piede sull’acceleratore. Al 9’ è vantaggio azzurro Laporta servito da De Liso in contropiede firma la sua prima rete in maglia azzurra. La gara sembra in mano alla formazione di Danisi che sino al 20’ non rischia nulla in fase difensiva, ma al 23’ Simmini grazie ad un rimpallo prima colpisce la traversa e poi insacca l’1-1. L’Andria subisce il contraccolpo psicologico e il Brindisi ne approfitta portandosi in vantaggio con Conte su schema da calcio d’angolo al 26’ e addirittura sul 3-1 al 30’ con L’Ingesso. Nell’unico minuto di recupero viene concesso un calcio di rigore agli azzurri di Danisi per fallo di mano di Macaolo. Sul dischetto ci va Magno che fa 2-3 prima del riposo.

Nella seconda frazione il Brindisi prende in mano il pallino del gioco e fa male alla compagine andriese. Al 37’ L’Ingesso ben appostato sul secondo palo fa 4-2. Al 44’ Romano falcia al limite dell’area De Liso, per il direttore di gara è punizione ed espulsione. Sugli sviluppi Laporta sigla il 4-3 e la sua doppietta personale. Il match sembra riaperto ma la squadra di Di Serio in tre minuti si porta sul 6-3 grazie alle marcature di Tommasini e L’Ingesso, autore di una tripletta. Nel finale gli azzurri provano il tutto per tutto ma le reti di Somma al 55’ e di Laporta, tripletta anche per lui, al 63’ non riescono ad evitare la sconfitta.

Primo stop stagionale per la Florigel Andria che dovrà subito dimenticare l’amara trasferta in terra messapica, infatti domani si tornerà già in campo per il turno infrasettimanale, avversario il forte Olympique Ostuni.

Rispondi